Nausea Sotto Controllo con l’Agopuntura.

La nausea non è una malattia bensì un sintomo di numerose patologie, molte delle quali sono relative allo stomaco. Inoltre è spesso indicativa di una malattia latente nell’organismo.

La nausea viene definita come sensazione di disgusto verso i cibi, spesso si associa con altri sintomi quali salivazione, sudorazione e tachicardia. Talvolta può essere associata a vomito.

Le cause della nausea possono essere:

1- centrali (ipertensione endocranica)

2- tossiche (farmaci, malattie internistiche)

3- viscerali (ulcera peptica, occlusioni intestinali, coliche renali, appendicite)

4- oto-vestibolari (cinetopatie come il mal di mare o d’auto, patologie oto-labirintiche)

[image]nausea cause[/image]

A seconda del materiale espulso si distingue un vomito acquoso (succo gastrico), alimentare, biliare, emorragico (ematemesi), fecaloide (occlusioni intestinali).

La nausea e il vomito appartengono, assieme al altri disturbi quali le eruttazioni e i rigurgiti, al vasto capitolo del “qi ni”, traducibile come flusso del qi al contrario o controcorrente.

La nausea e il vomito non appaiono particolarmente differenziati nelle trattazioni tradizionali in quanto entrambi sono ricondotti agli stessi quadri sindromici e traggono giovamento dalle stesse terapie.

TIPOLOGIE DI NAUSEA IN MTC

In Medicina Tradizionale Cinese la nausea viene denominata “e xin” e il vomito “ou tu”, vengono classificati in questo modo:

  • – da aggressione di fattori patogeni esterni
  • – da ritenzione o ristagno del cibo
  • – da accumulo interno dei liquidi e delle mucosità
  • – da aggressione dello stomaco da parte de qi del fegato
  • – da freddo-deficit della milza e dello stomaco
  • – da deficit di yin dello stomaco

[image]nausea tipi[/image]

LA TERAPIA DELLA NAUSEA CON AGOPUNTURA

La terapia con agopuntura risulta molto efficace nel ripristinare il giusto equilibrio a livello gastrico, tanto da arrestare la sensazione della nausea nonchè il vomito stesso.

Impostando un buon piano di trattamento i risultati non tardano a manifestarsi, mediamente un ciclo di 5/6 sedute risulta efficace nel ristabilire la condizione di salute.

Il vantaggio della terapia agopunturistica risiede anche nel fatto di non avere effetti collaterali, fattore questo che ne determina la possibilità di ripetere il trattamento al bisogno.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Cefalea: la Curo con Agopuntura.

La cefalea è un’esperienza molto comune, interessa anche solo occasionalmente circa il 50% della popolazione. Quasi ogni individuo almeno una volta nella vita ha fatto esperienza del mal di testa.

Il termine “cefalea” può essere usato per descrivere tutti i dolori della parte superiore del capo, tra la fronte e l’occipite, originati o in relazione con strutture craniche (intra o extracraniche) o limitrofe (arcate dentarie, naso e seni paranasali, orbite, colonna cervicale).

TIPOLOGIE DI CEFALEA

Si riconoscono le cefalee cosiddette “occasionali“, scatenate da eventi transitori e banali (es. febbre), non rilevanti sul piano clinico;

le cefalee “secondarie” sintomatiche di patologie neurologiche (es. processi espansivi intracranici, emorragia subaracnoidea, meningo-encefaliti, ipertensione endocranica), o sistemiche (es. arterite temporale, vasculiti, ipertensione arteriosa);

infine le cefalee “idiopatiche” o primarie, considerate a un tempo sintomo e malattia, che riconoscono, dal punto di vista eziopatogenetico, un meccanismo legato a una disreattività vascolare.

Il dolore cefalalgico, sintomo cardine, è descritto in base alle sue caratteristiche di sede, qualità, intensità, modalità di esordio, durata dell’attacco doloroso, decorso nel tempo, eventuali fattori scatenanti e sintomi concomitanti.

[image]mal di testa agopuntura[/image]

Le cafalee vascolari di tipo emicranico, le più comuni, si associano solitamente a nausea, vomito, lacrimazione, fotofobia, parestesie e turbe visive, che possono precedere il dolore (aura) oppure seguirlo.

La diagnosi di cefalea è principalmente clinico-anamnestica, nei casi dubbi o nelle cefalee secondarie possono essere necessari esami di laboratorio o neuroradiologici (TAC, MRI) indicati a seconda della patologia di base.

LA CEFALEA SECONDO LA MTC

In Medicina Tradizionale Cinese le cefalee vengono classificate in 8 tipologie, 3 da causa esogena e 5 da causa endogena:

  • cefalee da causa esogena:

1- da attacco del vento-freddo;

2- da attacco del vento-calore;

3- da attacco del vento-umidità.

  • cafalee da causa endogena:

1- da liberazione dello yang del fegato;

2- da deficit del rene;

3- da deficit di energia e sangue;

4- da accumulo di catarri-umidità;

5- da ristagno del sangue.

Ogni tipologia ha delle caratteristiche peculiari, tutte rispondono in modo positivo al trattamento con agopuntura. I tempi di ripristino di una buona condizione dipendono da numerosi fattori, tra i quali la durata della condizione patologica, l’intensità degli attacchi e la loro frequenza.

[image]mal di testa frequenti agopuntura[/image]

Con un buon piano di trattamento mirato e rispettoso delle caratteristiche individuali della cefalea, si ottengono risultati benefici già dalle prime sedute di agopuntura.

La possibilità di ripetere il trattamento nel corso del tempo senza gli effetti collaterali farmacologici, consente di riferirsi all’agopuntura con tranquillità e sicurezza.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Mal di Stomaco: con l’Agopuntura Passa.

Nella regione epigastrica convergono le sedi di dolore elettivo dello stomaco, duodeno, vie biliari e pancreas. Da qui nasce il mal di stomaco.

Il dolore epigastrico, gastralgia, o più comunemente mal di stomaco, è il principale sintomo del 60-85% dei pazienti con ulcera duodenale; esso è descritto come vago disagio, come crampo, oppure come dolore urente che si irradia preferibilmente e destra.

Caratteristiche del mal di stomaco.

Una caratteristica peculiare del mal di stomaco è la temporalità nel corso della giornata (1-3 ore dopo i pasti e nella notte) e nel corso delle stagioni (accentuazione in primavera e autunno). Una grande maggioranza di pazienti riferisce beneficio dall’assunzione di cibo.

[image]mal di stomaco gastralgia[/image]

Nell’ulcera gastrica il dolore epigastrico è localizzato sulla linea mediana e riconosce una ritmicità con i pasti (1-2 ore dopo); tuttavia è da segnalare una maggiore irregolarità in confronto all’ulcera duodenale.

Un dolore sordo, diffuso, spesso accompagnato a vomito, può essere espressione di una gastrite acuta (da sostanze irritanti o medicamenti gastrolesivi); una gastralgia gravativa, continua, non sensibile a farmaci, con progressivo scadimento generale, deve far pensare a un cancro allo stomaco.

Un dolore epigastrico irradiato al dorso, dapprima episodico e successivamente costante, con decadimento ingravescente delle condizioni generali, è espressione di una patologia pancreatica (pancreatite cronica, neoplasia maligna del pancreas).

[image]farmaci mal di stomaco[/image]

La terapia farmacologica nella patologia peptica comprende antiacidi, anti H2; nelle affezioni del pancreas anticolinergici, analgesici, preparati enzimatici assunti ai pasti.

Il mal di stomaco e l’Agopuntura.

Il mal di stomaco inteso in senso generale è ben controllato con l’Agopuntura, infatti l’apparato digerente è molto reattivo nei confronti della terapia agopunturistica.

Nella Medicina Tradizionale Cinese le gastralgie sono denominate “wei tong“, letteralmente “dolori gastrici“, o “wei wan tong” o “dolori della cavità epigastrica“.

Si classificano in 7 tipologie:

1- gastralgia da ristagno di freddo nello stomaco;

2- gastralgia da ristagno del cibo;

3- gastralgia da stasi del qi del fegato;

4- gastralgia da stagnazione del calore nel fegato e nello stomaco;

5- gastralgia da stasi del sangue;

6- gastralgia da freddo e da deficit dello yang della milza e dello stomaco;

7- gastralgia da deficit dello yin della milza e dello stomaco.

La terapia con Agopuntura comprende tutti quei programmi specifici destinati e riequilibrare e mobilitare le cariche bioelettriche allo scopo di riportare il paziente in uno stato di benessere.

[image]mal di stomaco agopuntura[/image]

La terapia farmacologica eventualmente in atto può essere, in una seconda fase, variata in rapporto al beneficio ottenuto con l’Agopuntura.

In ogni caso uno degli aspetti più positivi della terapia con Agopuntura è l’assenza degli effetti collaterali tipici della terapia farmacologica.

Il benessere portato dall’azione degli aghi infissi in specifici punti è immediato e durevole nel tempo, intergisce con i processi fisiologici più profonti dell’organismo e presenta la caratteristica di poter essere ripetuto più volte con cadenza stagionale specifica.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Insonnia: Sogni d’Oro con l’Agopuntura.

L’insonnia è un disturbo caratterizzato da una sensazione soggettiva di non trarre sufficiente riposo dal sonno sia perchè non abbastanza prolungato sia perchè privo di qualità ristoratrice.

In questa categoria non va considerata l’insonnia transitoria, legata solitamente a situazioni contingenti a forte carica emotiva o a cause ambientali.

Tipologie di insonnia.

L’insonnia persistente si distingue invece in:

1- INSONNIA TENSIONALE: ansia somatizzata, condizioni sociali o ambientali;

2- INSONNIA NELLE MALATTIE PSICHICHE: più frequentemente negli stati depressivi, nelle psiconevrosi, nelle forme maniacali e schizofreniche;

3- INSONNIA NELLE MALATTIE SOMATICHE NEUROLOGICHE E INTERNISTICHE: demenza, morbo di Parkinson, cefalee croniche, da dolori di ogni genere, cardiopatie, ipertiroidismo;

4- INSONNIA DA FARMACI: psicoanalettici, betabloccanti, simpaticomimetici, caffeina e da abuso cronico di alcool.

insonnia incidenza

Il 9-19% della popolazione, a seconda dell’età, riferisce insonnia abituale.

L’insonnia si può clinicamente manifestare come:

– iniziale o dell’addormentamento;

– intermittente, per frequenti risvegli durante la notte;

– terminale o del risveglio.

La terapia consiste nel trattamento della patologia psichiatrica maggiore se ci troviamo in presenza di questa condizione.

Si possono inoltre adottare provvedimenti di varia natura che contribuiscono al superamento dello stato di insonnia abituale: norme igieniche intese come buon esercizio fisico, alimentazione adeguata, preparazione dell’ambiente.

Insonnia e Agopuntura.

In Medicina Tradizionale Cinese viene definita “bu mei“.

Viene classificata in 5 tipologie:

1- da stasi dell’energia del fegato e liberazione del fuoco;

2- da ritenzione interna di catarri-calore;

3- da deficit dello yin e fuoco-vuoto;

4- da deficit combinato del cuore e della milza;

5- da deficit combinato del cuore e della vescicola biliare.

Una volta individuata la tipologia in esame, dietro una corretta diagnosi, l’Agopuntura va a riequilibrare le condizioni di deficit esistenti.

insonnia agopuntura

La terapia agopunturistica è rivolta a tutti e può essere anche considerata terapia a lungo raggio, in quanto essendo priva degli effetti collaterali farmacologici, può accompagnare il paziente per lunghi periodi di tempo, anche con ritmi stagionali o periodici a seconda delle esigenze del paziente stesso.

Durante la seduta è possibile percepire immediatamente la sensazione di profonda calma e rilassatezza che essa dona. Il risultato sarà quello di portare il paziente in uno stato che favorisce la presa di un sonno qualitativamente buono e riposante.

Migliorare la qualità del sonno significa migliorare la qualità della vita.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Stipsi Risolta Grazie all’Agopuntura.

La stipsi viene definita come l’evacuazione difficoltosa e/o infrequente di scarse quantità di feci di consistenza aumentata.

Può rappresentare un sintomo di numerose malattie, ma nella maggior parte dei casi è idiopatica o primitiva. Cause secondarie possono essere di natura meccanica, endocrina, neurogena, farmacologica.

La forma idiopatica è caratterizzata dell’assenza di lesioni organiche e da un particolare habitus igienico-alimentare: sedentarietà, abitudine a sopprimere lo stimolo evacuativo, dieta a scarso contenuto di fibre.

La stipsi cronica predispone a diverticoli e può aumentare il rischio di cancro al colon. L’uso incontrollato e a lungo termine di lassativi favorisce la comparsa del cosiddetto “colon da catartici” caratterizzato da grave inerzia del grosso intestino.

La terapia consiste di base in una dieta ad alto contenuto di fibre (verdura, crusca, frutta); adeguata attività fisica; controindicato l’uso cronico di lassativi catartici che provocano fenomeni di dipendenza e colonpatie da catartici; anche i lassativi salini (glicerina, magnsio solfato), dovrebbero essere limitati nell’uso, per la possibile comparsa di disturbi elettrolitici. Nelle forme secondarie il trattamento è diretto alla rimozione delle cause.

In Medicina Tradizionale Cinese la stipsi viene denominata “bian mi”, e viene classificata come segue:

1- stipsi da eccesso

2- stipsi da deficit

In entrambi i casi, dopo una corretta diagnosi, l’agopunutra può riequilibrare la condizione patologica e portare il paziente alla corretta e fisiologica funzionalità intestinale.

La terapia della stipsi con agopuntura non comporta gli effetti collaterali tipici dei farmaci lassativi, anzi ripristina il corretto funzionamento intestinale in modo stabile e duraturo, in quanto rimette in moto i sani processi naturalmente presenti nell’organismo.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Sinusite Cronica: Curala con l’Agopuntura.

La sinusite cronica, cioè la flogosi cronica dei seni paranasali, segue spesso a processi acuti o subacuti recidivanti.

La sinusite cronica può coinvolgere più seni paranasali, fra i quali l’etmoide è quello più frequentemente interessato, a causa della sua situazione topografica.

La sintomatologia consiste in cefalea più spesso gravativa, rinopiorrea, ostruzione nasale.

La patologia, a decorso cronico, può essere intervallata da episodi acuti più o meno frequenti. Le complicanze sono ossee, endocraniche, orbitarie, spesso bronchiti e broncopolmoniti secondarie.

Alle rinoscopia si evidenziano segni di rinite cronica con ipertrofia e flogosi dei turbinati medi, muco-pus nelle fosse nasali e nel rinofaringe.

In MTC (Medicina Tradizionale Cinese) esistono 2 tipi di sinusite cronica:

1- sinusite cronica da ristagno del calore nel meridiano del Polmone;

2- sinusite cronica da deficit combinato del Polmone e della Milza.

Nel primo caso la sintomatologia è caratterizzata da: rinopiorrea, torbida e giallastre, ostruzione nasale che data da lungo tempo, iposmia, cefalea cronica accompagnata da sensazione di stordimento. Altri sintomi di accompagnamento sono: vertigini, sensazione di distensione cefalica.

La terapia consisterà nel purificare il calore patogeno, ventilare il polmone, eliminare il catarro e rimuovere l’ostruzione dagli orifizi cefalici e nasali.

Nel secondo caso la sintomatologia è leggermente diversa e consiste in: rinorrea abbondante, talora densa e collosa, talora liquida, biancastra e mucosa, talora giallastra e mucopurulenta, ostruzione nasale e volta grave e talora leggera, sensazione di distensione cefalica, capogiri, astenia. Possono comparire tosse con espettorato abbondante, dispepsia e anoressia.

La terapia in questo caso è quella di tonificare il polmone e la milza, trasformare il catarro e rimuovere l’ostruzione dagli orifzi nasali.

Esistono dei punti in Agopuntura che sono in grado di modulare a scopo terapeutico tutti i processi coinvolti nella sinusite cronica di entrambi i tipi.

L’efficacia della terapia agopunturistica unita all’assenza di effetti collaterali derivanti dall’uso dei farmaci, rende questa terapia una prima scelta nella cura della sinusite cronica.

Dott. Federico Sabbatini

info@agopunturatime.com

Ecco Perche’ l’Agopuntura Funziona.

L’Agopuntura funziona perchè favorisce il rilascio nei tessuti interessati di Adenosina, che interferisce con la trasmissione dei segnali dolorifici al cervello.

COSA CURA L’AGOPUNTURA

L’Adenosina ha un ruolo centrale nel mediare gli effetti dell’Agopuntura.

Lo ha appurato una ricerca condotta dal neurobiologo Maiken Nedergaard e collaboratori presso lo University of Rochester Medical Center e pubblicata sulla rivista Nature Neuroscience.

LA CHIAVE SI CHIAMA ADENOSINA

L’Adenosina è un nucleoside composto da una molecola di adenina legata ad un ribosio che è noto per partecipare ai meccanismi di regolazione del sonno, per la sua azione sul cuore e per le sue proprietà antinfiammatorie.

adenosina agopuntura

L’adenosina, prodotta a livello della cute, ha peraltro anche un’azione analgesica che esplica in occasione di lesioni attraverso l’inibizione della trasmissione dei segnali dolorifici.

[image]agopuntura cos'è[/image]

L’agopuntura è stato uno dei perni dei trattamenti medici in alcune parti del mondo per quattromila anni, ma dato che non si erano compresi a fondo i meccanismi, molti sono rimasti scettici”, ha detto Nedergaard. “In questo lavoro forniamo nuove informazioni su un meccanismo fisico attraverso cui l’agopuntura allevia il dolore nel corpo.”

MECCANISMO DI FUNZIONAMENTO

Nell’esperimento i ricercatori hanno sottoposto ad agopuntura in sedi opportune un gruppi di topi sofferenti a una zampa, rilevando che, negli esemplari che erano in grado di produrre adenosina, il trattamento riduceva il disturbo di due terzi valutato su una scala di funzionalità, e che durante e subito dopo il trattamento con l’agopuntura il livelli di adenosina nei tessuti erano 24 volte superiori al normale.

come funziona agopuntura

Il miglioramento non era invece osservabile nei topi, anch’essi sofferenti a una zampa, geneticamente mutati in modo che le loro cellule non fossero in grado di produrre i recettori per l’adenosina.

Infine, il disturbo veniva ridotto anche attivando l’adenosina senza ricorrere all’agopuntura.

Successivamente i ricercatori hanno sperimentato gli effetti della deossicoformicina, un farmaco utilizzato nel trattamento di alcune leucemie, che ha la proprietà di inibire la degradazione dell’adenosina nei tessuti, rilevando che in tal modo gli effetti dell’agopuntura risultavano drasticamente potenziati: alla triplicazione dei livelli di adenosina nelle mucose corrispondeva un altrettanto significativo prolungamento dell’azione analgesica. (link riferimento)

In questo meccanismo rientrano tutte le dinamiche di azione dell’agopuntura nei diversi ambiti terapeutici.

Le patologie che è possibile trattare con agopuntura sono molteplici: clicca qui per conoscere l’elenco dettagliato.

Dott. Federico Sabbatini

Agopuntura – Auricoloterapia

info@agopunturatime.com

Sei interessato all’Agopuntura e alle Cure Alternative?
Mi trovi su Facebook, clicca mi piace qui sotto!
SEGUIMI SU FACEBOOK 🙂